Dal Kaiserhof alla Cancelleria del Reich

30.00

33 disponibili

Descrizione

Joseph Goebbels

DAL KAISERHOF ALLA CANCELLERIA DEL REICH

Pagine: 336

ISBN: 978-88-97691-12-9

Dalla quarta di copertina:

Germania, 1932. È l’anno decisivo per giungere al Machtergreifung del 30 gennaio 1933. La crisi economica è agli apici e la miseria è estrema. Il tasso di disoccupazione è prossimo al 30 per cento. L’instabilità politica e la litigiosità tra i partiti hanno raggiunto livelli di guardia. Il Sistema nato il 9 novembre del 1918 a Weimar ha ormai perso tutta la sua credibilità nei confronti della maggioranza dei tedeschi. Da due anni il governo Brüning si sta ostinando a governare a colpi di legislazione d’emergenza, facendo ricorso all’articolo 48 della Costituzione sui “poteri straordinari”, cercando una maggioranza parlamentare solida che escluda però socialdemocratici, comunisti e nazionalsocialisti. Ma invano. Il Paese si ritrova così sottoposto a una serie quasi ininterrotta di elezioni. Il 10 aprile, Adolf Hitler non riesce a venir eletto Presidente del Reich per soli sei milioni di voti di scarto al ballottaggio con Hindenburg, che riesce a essere riconfermato solo perché tutti i partiti si sono coalizzati contro i nazionalsocialisti. Il 14 aprile vengono messe al bando la SA e la SS, ma lo NSDAP consolida la propria posizione con una serie di successi nelle elezioni regionali nei vari Länder; finché il 12 maggio il generale Gröner, ministro della Difesa e degli Interni e principale responsabile dell’azione governativa contro i nazionalsocialisti, si dimette. Il 30 maggio, il Cancelliere Brüning si dimette, avendo perso la fiducia del Presidente Hindenburg, nonostante ne avesse appoggiato la rielezione. Il 1° giugno viene formato il gabinetto von Papen, che include il generale von Schleicher – un militare amico di Hindenburg – quale ministro della Difesa e un buon numero di Junker. Il 4 giugno viene sciolto il Reichstag e il 16 von Papen revoca il decreto di scioglimento della SA e della SS. Nelle elezioni di luglio per il Reichstag, lo NSDAP – che nelle elezioni del 1928 (dove si era presentato per la prima volta) aveva raccolto solo il 2,4 per cento dei suffragi – riesce a raggiungere il 37,2 per cento dei voti: è il primo partito. Ma il Reichstag viene nuovamente sciolto poiché non si trova una maggioranza. Alle elezioni del 6 novembre, lo NSDAP, pur restando primo partito, perde 34 seggi. Mentre si rafforza il KPD. Gli scontri tra nazionalsocialisti e comunisti si fanno sempre più duri e selvaggi e il 16 novembre von Papen è costretto a dimettersi, sostituito, il 2 dicembre, da von Schleicher. Il nuovo Cancelliere mira a creare una maggioranza al Reichstag che riunisca i sindacalisti di sinistra dei vari partiti, compresi quelli della NSDAP guidati da Gregor Strasser, numero due del Partito ed esponente dell’“ala sinistra”. Inizia così una pressante opera di “corteggiamento” nei confronti di Strasser, cui offre il vicecancellierato, nel tentativo di conquistarsi il maggior numero di esponenti dello NSDAP e nel contempo isolare Adolf Hitler. Ma Hitler si avvede della mossa e la argina: Strasser lascia il Partito a dicembre e fallisce l’intera manovra di von Schleicher. Che il 28 gennaio 1933 sarà costretto alle dimissioni, sfiduciato sia da destra che da sinistra. Il 30 gennaio, Adolf Hitler è cancelliere del Reich.

Tra gli artefici principali di questa ardua ma straordinaria conquista del potere vi è un uomo: Joseph Goebbels.

Questo libro è la storia di questa lotta e del successo conseguito dal Führer, da Goebbels e dal Movimento tutto per la Germania e per il suo Popolo.

 

Informazioni aggiuntive

Peso 0.508 kg
Dimensioni 21 × 15 × 2.8 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.